L'Agriturismo Ara dei Pre, Vi propone giornate tranquille alla riscoperta delle antiche tradizioni e dell'incantevole atmosfera di Vezzano Ligure, dove ogni anno si tiene la ormai nota Sagra dell'Uva, il Palio dei Rioni, le fiere del Molinello, di S. Apollinaire, e la fiera di S.Michele

Un'oasi di relax, immersa nel verde tra Liguria e Toscana

Vezzano Ligure

Vezzano LigureVezzano Ligure si trova nella Bassa Val di Magra, arroccato su un colle a dominio della confluenza tra i fiumi Vara e Magra. Citato per la prima volta nel 963 in un diploma di Ottone I, dall’XI secolo passò sotto i signori di Vezzano, che mantennero il potere fino all’arrivo dei genovesi.
La caratteristica di Vezzano è la divisione in due insediamenti, entrambi di origine medievale, posti sulle sommità di due colline, Vezzano Alto e Vezzano Basso. Sono collegati da un altro abitato, Mitiliano. Vezzano Basso presenta una struttura tipicamente concentrica percorse da strette vie e archi voltati, con la torre pentagonale del XIII secolo, alta circa quindici metri, i resti della cinta muraria con torri rotonde, inglobati nel Palazzo Giustiniani, la chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta e San Sebastiano, in stile barocco e l’oratorio sconsacrato di San Michele con abside e portale gotici.
Vezzano Alto è strutturato intorno alla piazza, composta da una pavimentazione policroma a ciottoli, circondata da edifici del XVII e XVIII secolo e dalla chiesa di Nostra Signora del Soccorso. Nel paese si trovano anche i ruderi del castello.
Nei dintorni si trova Valeriano, borgo medievale posto su un suggestivo colle da cui domina parte della Val di Vara ed il Golfo dei Poeti, con strette stradine concentriche e la chiesa di Sant'Apollinare del XVIII secolo. A Prati si trova il santuario del Molinello, dedicato ad un'apparizione mariana durante la peste del 1523. Da vedere anche Fornola, Bottagna e Corongiola, con ecco l’antica pieve di San Prospero.

Il Golfo dei Poeti

Golfo della SpeziaLa Spezia si trova al centro del Golfo dei Poeti, nell'ampia insenatura che da Lerici si allunga fino a Portovenere, circondata ad arco da verdi colline. Attestata per la prima volta nel XII secolo, si trovò sotto la giurisdizione degli Obertenghi prima e dei Vescovi di Luni poi. Entrata in orbita genovese, La Spezia fu dotata di mura e di un castello. Lo grande sviluppo del XIX secolo avvenne grazie alla realizzazione dell'Arsenale Militare Marittimo.
Nonostante la sua vocazione industriale, la città ha conservato importante luoghi di interesse. Via Prione innanzitutto, che presenta la tipica impronta ligure con stretti carruggi, su cui si affacciano le antiche residenze dei marchesi Doria e dei Principi Massa; Corso Cavour con i bei palazzi ottocenteschi in stile liberty; Piazza Sant'Agostino dove sorgono alcuni degli edifici più antichi della Spezia, in stile barocco e la caratteristica chiesa di San Giovanni e Sant'Agostino; Piazza Chiodo, dove si trova la maestosa entrata dell'Arsenale Militare; Piazza Verdi, con il palazzo delle Poste e nelle vicinanze Villa Marmori, progettata nel 1923, oggi sede del Conservatorio musicale; via Vittorio Veneto, con il Palazzo della Prefettura e poco oltre la moderna Cattedrale di Cristo Re dei Secoli, grande edificio circolare con cupola imponente. L'antica cattedrale invece esiste tuttora, dedicata a Santa Maria Assunta, si affaccia su Piazza Beverini e risale al XIII secolo.
Posto su un piccolo rilievo, il Poggio, il castello di San Giorgio domina l'antico abitato. Ha subito diversi rifacimenti e aggiunte dal XIV secolo in poi. Oggi è sede del museo Ubaldo Mazzini e conserva alcune statue stele della Lunigiana. La cultura cittadina si manifesta anche nell Museo "Amedeo Lia", museo di arte antica e medioevale, nel Museo del Sigillo, nel Museo Etnografico "G. Podenzana", nel Museo Tecnico Navale, nel Centro di Arte Moderna e Contemporanea e nel Museo Nazionale dei Trasporti.
Nei dintorni della Spezia, spiccano i borghi di Campiglia, Tramonti, Biassa e Cadimare a picco sul mare, Pitelli, Pieve di Marinasco, con l'antichissima chiesa romanica e Migliarina con la pieve di San Venerio.

La Spezia

La SpeziaUna costa dai mille colori, suggestiva e unica. Borghi a picco sul mare, verdi colline e acqua cristallina. Il golfo della Spezia si lascia scoprire tranquillamente e non sorprende che questa terra fu fortemente amata da poeti e scrittori come Shelley, Byron, Petrarca e Montale. Da loro ha preso il auo nome di golfo dei Poeti, che da Lerici arriva fino a Portovenere abbracciando tra due promontori spiagge, coste frastagliate, mare azzurro, antichi borghi e natura selvaggia.
Tellaro, San Terenzo, Fezzano, Le Grazie, l'isola Palmaria, il Tino e il Tinetto. Luoghi incantati e piacevoli, anticamente parte di quella che era la Lunigiana storica, così diversa dalla Lunigiana interna, ma cosí unita nei costumi, nelle tradizioni e nella cucina.



Lerici

LericiLerici si trova nella parte più orientale del Golfo della Spezia, vicino all'estuario del fiume Magra. Di origine antichissima, era alle dipendenze dei vescovi di Luni. Fu un porto importante dove approdavano viandanti e pellegrini che attraverso Sarzana si collegavano alla Via Francigena verso Roma o il nord Italia. Da Lerici inoltre, una diramazione della stessa via, portava al cammino per San Jacopo di Compostela. Nel Medioevo fu possesso di Genova, per un breve periodo di Pisa e quindi subì diverse dominazioni fino a tornare ai genovesi alla fine del XV secolo.
Lerici mostra ancora oggi la sua originaria struttura medievale, con le caratteristiche abitazioni allineati lungo gli stretti carruggi. All'interno del borgo sono interessanti il quartiere ebraico del ghetto, il castello, eretto dai Pisani nel XIII secolo e ampliato dai Genovesi, con all'interno la cappella duecentesca dedicata a Santa Anastasia e il museo geo-paleontologico e le piazze del Poggio e di San Giorgio. A piedi del castello si trova la rilassante passeggiata sul lungomare Vassallo. Nel borgo si trovano inoltre la torre di San Rocco, di epoca romana, trasformata in campanile nel XVI secolo, la chiesa parrocchiale di San Francesco d'Assisi, l'oratorio di San Bernardino e poco lontano palazzo Doria, antico ospedale medievale dedicato ai Santi Pietro e Paolo.
Lerici però non è solamente il suo borgo. Nel suo territorio, spiccano altre località, come San Terenzo, con il castello, Villa Magni, abitata da Percy Bysshe Shelley e Mary Shelley e Villa Marigola, da dove si gode un meraviglioso panorama della spiaggia della Venere Azzurra. A Tellaro invece, tipico borgo marinaro, dove ancora oggi si incontrano le barche nella piazzetta sul mare, si trova l 'antica chiesa di San Giorgio e l'oratorio di Santa Maria in Selaa. Tra Pugliola e Solaro si ammira Villa Cochrane, più conosciuta come villa Rezzola, immersa in un parco di eucalipti, lecci e cipressi. E ancora La Serra e Pozzuolo, su una collina di ulivi, Senato, oasi di verde e di silenzio e Solaro, piccolo borgo affacciato sul Golfo

Portovenere

PortovenereNella parte più occidentale del golfo di La Spezia si trova lo stupendo borgo di Portovenere. Prende il nome da un tempio eretto in onore di Venere Ericina, in epoca romana, costruito sull'attuale promontorio di San Pietro. Proprietà dei signori di Vezzano, venne acquistato da Genova nel 1113, che diede al borgo l’aspetto attuale con la costruzione del castello su una fortificazione preesistente, la cinta muraria le case torri dai tipici colori liguri.
Portovenere conserva inoltre la torre capitolare, a sinistra della porta d'ingresso a via Capellini, la via principale anche chiamata il Carugio, Piazza Spallanzani, dove sorgeva l’antico centro preromano del Castrum Vetus, la chiesa di San Pietro, all’estremità del promontorio e la chiesa di San Lorenzo in collina.
Davanti a Portovenere si trova l’arcipelago con le tre isole, Palmaria, Tino e Tinetto, parte del "Parco Naturale Regionale di Porto Venere". Il Tino e il Tinetto conservano antiche vestigia dell'XI secolo e del VI secolo rispettivamente. Il Tino è Zona Militare ed è accessibile solo per la festività in onore di San Venerio, il 13 settembre. L’isola Palmaria, separata da Portovenere da uno stretto braccio di mare, detto "Le Bocche", è la più visitata turisticamente, con interessanti valori naturalistici di tipo mediterraneo.
Nei dintorni si trova Le Grazie, piccolo paese di pescatori che conserva il sito archeologico della Villa Romana del Varignano e il santuario tardogotico di Santa Maria delle Grazie e il borgo di Fezzano, con antiche case addossate le une alle altre in mezzo ai carruggi e con al centro la chiesa di San Giovanni Battista del 1740.

 

Cinque Terre

Cinque TerreMonterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola, Riomaggiore sono i borghi marinari che formano le Cinque Terre. L'aspetto attuale delle Cinque Terre è il risultato della particolare conformazione geografica e del duro lavoro dell'uomo. Le coltivazioni a terrazza e i numerosissimi muretti a secco, insieme al mare cristallino sono la caratteristica principale delle Cinque Terre.
I cinque paesi sono racchiusi in cinque miglia di costa rocciosa tra due promontori, in un susseguirsi di speroni rocciosi, piccole insenature, e coltivazioni a vite.
Non solo mare però, i cinque borghi offrono numerosi sentieri per il trekking, gite in barca, visite a santuari e una gastronomia di prima qualità.
Le Cinque Terre sono Parco Nazionale e Patrimonio dell’Umanità tutelato dall’Unesco.

La Riviera Toscana

VersiliaLa Versilia si estende dalle spiagge del Mar Tirreno alla montagne delle Alpi Apuane. Non solo mare dunque, ma una varietà di paesaggio invidiabile che oltre ai monti marmiferi comprende anche il lago di Massaciuccoli. I comuni che formano questa regione storica sono Forte dei Marmi, Pietrasanta, Camaiore, Viareggio, Seravezza, Stazzema e Massarosa. I suoi confini sono il comune di Montignoso a nord, il lago di Massaciuccoli e il comune di Pisa a sud, le Alpi Apuane a est e naturalmente il mar Tirreno a ovest.
L'attrazione principale sono le spiagge sabbiose che cominciano dal Cinquale fino a Torre del Lago Puccini. Numerosi sono i torrenti che attraversano la Versilia, come il fiume omonimo che nasce dall'unione del Serra e del Vezza e sfocia in provincia di Massa Carrara. La natura costiera è caratterizzata dalle innumerevoli pinete, come nel parco della Versiliana, che si estende per 80 ettari a Marina di Pietrasanta, mentre per gli appassionati di trekking e alpinismo le Alpi Apuane sono un suggestivo richiamo, dalle quali nel versante orientale si gode la vista del mare.
Pietrasanta è il capoluogo, con le belle spiagge di Marina di Pietrasanta, il duomo, le pievi di Valdicastello e Vallecchia; Forte dei Marmi, la capitale del turismo mondano; Viareggio con le spiagge, le ville in stile liberty, il Carnevale; Camaiore, che si estende dal Lido fino alle Alpi Apuane, attraversato dalla Via Francigena; Massarosa con il duomo, la pieve di San Pantaleoni a Elici e il lago di Massaciuccoli; Seravezza e Stazzema nelll'Alta Versilia, con numerosi borghi caratteristici come Azzano, Basati, Pruno e Cardoso.

 

 Source: http://www.terredilunigiana.com/

Sito realizzato da Sigest SRL


Valid XHTML + RDFa